VERGA VINI CERMENATE – ATLANTIS PUNTOEBASKET NERVIANO 78-89 dts

Priuli

 

La prima fase della stagione si chiude con un successo in volata sul campo di Cermenate: come nella gara di andata, per aggiudicare i due punti in palio si è reso necessario un overtime, frutto dell’equilibrio che ha regnato sovrano sul parquet.
Il ribaltamento della differenza canestri nello scontro diretto (-6, +11) ci consente, peraltro, di operare un sorpasso al photofinish proprio ai danni della Virtus e di conquistare così uno storico sesto posto al termine della regular season.

I primi due punti dell’incontro recano la firma di Gatto, Cermenate risponde prontamente con la tripla di Ukaegbu ben assistito da Broggi, dopodiché i nostri ragazzi infilano un parziale di 7-0 (Priuli 2, Nuclich 3, Gotti 2) interrotto dal canestro in appoggio di Ballarate (5-9 a 6:27’).
Manteniamo il vantaggio anche nei minuti seguenti e, proprio quando i padroni di casa si avvicinano maggiormente (17-18 a 2:30’ grazie alla realizzazione dall’arco di Broggi), piazziamo un parziale di 6-0 (due punti a testa per Gotti, Gatto e Priuli) che ci consente di chiudere la prima frazione sul +7.
Nel secondo periodo, Cermenate accorcia progressivamente le distanza fino a trovare il vantaggio a seguito della tripla di Galasso (30-29 a 4:46’).
Rimettiamo la testa avanti con i due punti di Vantini, imitato a stretto giro di posta da Ballarate prima e Priuli poi: proprio il canestro del nostro “7×2” fa da apripista al parziale di 7-0 (Priuli 2, Nuclich 3, Corno 2) che ci regala sei lunghezze di vantaggio, prima che la Virtus impatti a quota 38 grazie alle marcature di Broggi, Ballarate e Scuratti.
Rimane giusto il tempo per l’ultimo attacco nervianese (18’’): a 6’’ dalla sirena, Aceti commette fallo su Priuli, che manda a bersaglio solo il primo dei due tiri liberi a disposizione, Frontini è il più rapido di tutti a catturare il rimbalzo, salvo poi fallire la conclusione, ma è ancora uno dei nostri ad arrivare per primo sulla palla, nello specifico Corno, il quale suggella la sua giocata offensiva con i due punti che valgono il +3 all’intervallo (38-41).
Brutta tegola, in avvio di terzo quarto, per la banda di coach Morganti: dopo nemmeno un minuto di gioco, Gatto (ingenuo) commette il terzo e quarto fallo personale a distanza di quattro secondi l’uno dall’altro, rendendo così d’obbligo la propria sostituzione.
I padroni di casa ritrovano quindi il vantaggio grazie alla tripla di Pellizzoni (47-44 a 6:18’), per poi mantenersi al comando, complice la nostra scarsa vena realizzativa, fino al termine del periodo (57-54, con un distacco massimo di cinque lunghezze).
Cermenate allunga ulteriormente in apertura di quarto periodo con un parziale di 4-0 firmato Aceti-Bianchi, interrotto dal canestro in sospensione di Bandera; quattro punti consecutivi del rientrato Gatto ci portano a -1 (61-60 a 6:20’), poi Aceti di nuovo a segno, prima che il libero di Frontini e la “bomba” di Bandera su assist di Nuclich ci consentano di effettuare il sorpasso (63-64 a 5:25’).
Nell’attacco successivo, però, Ballarate pesca il jolly da tre punti, ai quali si somma il libero aggiuntivo dovuto al disturbo falloso del nostro “10” in fase di tiro; segue la palla persa di Bandera, che offre alla squadra di coach Grassi l’opportunità di un nuovo attacco, ghiotta chance prontamente sfruttata dal numero 7 gialloblù per mandare a bersaglio la tripla del +6 (70-64 a 4:47’).
Il finale è al cardiopalma: nonostante i nostri sforzi volti al tentativo di riequilibrare la sfida, i padroni di casa tengono la testa avanti e, a 42’’ dalla fine, il tabellone recita 76-72.
00:34’: Broggi commette fallo su Gatto, saranno due tiri liberi per il nostro play. Definire il momento “delicato” sarebbe riduttivo, la tensione è alle stelle, la sorte del match è legata a doppio filo all’esito del viaggio in lunetta del numero 22 ex Desio: la mano di “Cat” non trema, 2/2!
Un solo possesso, ora, ci separa dai nostri avversari: perfetti in difesa, poi via subito in attacco e dita incrociate, questa l’unica via per provare l’aggancio in extremis.
Ballarate si alza da tre, ma ‘sta volta non va! Rimbalzo raccolto da Gatto che scatta nella metà campo offensiva, palla a Frontini, da lui a Priuli, mancano solo 3’’, bisogna tirare: la sfera, bollente, lascia le mani di “Priu” e spicca il volo verso il canestro.
Fiato sospeso, da una parte e dall’altra, gli occhi incollati a quegli spicchi di gomma che roteano nell’aria per un tempo che pare interminabile, fino a che… “È dentro, è dentro!”, il pubblico di fede neroverde presente sulle tribune del “Malacarne” è in visibilio!
Attenzione, non è ancora finita, c’è un ultimissimo attacco a disposizione di Cermenate: rimessa a servire Pellizzoni, il quale è bravo a ritagliarsi lo spazio utile per concludere, ma il ferro rifiuta il suo tentativo.
Si va, dunque, all’overtime (76-76).
I cinque minuti supplementari si trasformano, ben presto, nel palcoscenico da cui capitan Bandera delizia gli spettatori con il suo pregevolissimo “one man show”: giusto il tempo per un fuoco di paglia virtussino rappresentato dal canestro di Scuratti, immediatamente pareggiato da quello di Priuli, quindi sale in cattedra “Bande”, che mette a referto sette punti consecutivi (1/2 ai liberi accompagnato da due “bombe”) in grado di indirizzare pesantemente (o, se preferite, decidere) la gara.
Il clamoroso “break” appena descritto taglia le gambe ai padroni di casa, che non riescono neppure ad accennare una reazione; da parte nostra, completiamo l’opera con i due punti in appoggio facili facili di Nuclich e le realizzazioni dalla lunetta di Priuli (“doppia-doppia” da 22 punti e 12 rimbalzi) e Bandera (19 punti, 6 rimbalzi), ritagliatisi per l’occasione il ruolo di attori protagonisti all’interno di un cast di indubbio valore (14+5 e 7 assist per l’immancabile Nuclich, Gatto 10+8, Frontini 11+6).
Finisce 78-89, standing ovation per il Capitano.

I ragazzi scelgono il modo migliore per concludere il primo capitolo della stagione, coronando l’ottimo girone di ritorno (9-3 il ruolino di marcia, alla pari di Gazzada e Saronno e secondi solo all’inarrivabile Vigevano) con il primo successo esterno ai danni di una formazione della “top-8”, vittoria che porta in dote due punti fondamentali in vista dell’imminente poule promozione e ci regala il sesto posto finale nel Gruppo B (miglior risultato della nostra storia).

Ora ci aspetta una nuova emozionante fase: con impegno ed entusiasmo tutto è possibile, FORZA RAGAZZI!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...